13 novembre 2015 – 2^ Giornata nazionale della donazione del sangue

donazione sangue forestale13novembre2015 (1)

I promotori della Campagna #SalviamolaForestale, a grande richiesta, organizzano la seconda edizione di #Forestalinelsangue, un’iniziativa di “protesta costruttiva”, rivolta al personale del Corpo Forestale dello Stato ed agli aderenti alla petizione su www.change.org/forestale.

Siamo Forestali nel sangue e non sarà un Governo delegittimato a cambiare la nostra natura.

Siamo Forestali nel sangue e lo dimostreremo andando a donare tutti insieme il nostro sangue il 13 novembre 2015.

Un’altra occasione per rafforzare il nostro spirito di Corpo e ribadire, con un gesto nobile, il nostro NO alla soppressione del Corpo Forestale dello Stato.

Vi chiediamo quindi di aderire alla nostra iniziativa affiggendo la locandina presso il vostro ufficio e diffondendola in via informatica (mail, siti internet, social network ecc…). Potete inoltre invitare gli amici di Facebook all’evento ufficiale dell’iniziativa https://www.facebook.com/events/907269709365384/

A donazione avvenuta vi chiediamo di inviare l’attestato di donazione via mail all’indirizzo forestalinelsangue@libero.it al fine di poter conteggiare gli aderenti all’iniziativa.

A scopo informativo si segnala che l’Amministrazione di appartenenza non può, anche in presenza di eccezionali esigenze di servizio, negare o comunque rinviare o ritardare la concessione del riposo previsto per la donazione del sangue. Pertanto il personale CFS può liberamente aderire all’iniziativa qui proposta. Si consiglia a tal proposito la lettura della nota esplicativa sui permessi per le donazioni del sangue redatta del Sindacato SIULP della Polizia di Stato.
http://www.siulptoscana.com/index.php/nazionale/1280-permessi-per-donazione-sangue.html

Buona donazione a tutti

P.S. Coloro che il 18 settembre hanno partecipato alla 1^ edizione dell’iniziativa #Forestalinelsangue potranno donare il plasma. Tra una donazione di sangue intero ed una di plasma (e viceversa) devono trascorrere almeno 30 giorni. Tra due donazioni di sangue intero almeno 90 giorni. 

Annunci

Soppressione del Corpo Forestale dello Stato, catastrofe per la natura e la democrazia italiana‏

I cittadini della Campagna #SalviamolaForestale denunciano quale catastrofe sarebbe per l’Italia, la soppressione del Corpo Forestale dello Stato, non solo per la salute e la tutela di ogni essere vivente sul territorio nazionale, ma anche per la società civile e lo Stato democratico.

Da tempo, attraverso un diffuso e capillare sistema di “nominati” (la cui rete va dal premier all’assessore comunale), i potentati economici sono riusciti a collocare “decisionisti”, i quali non sono stati filtrati dall’elettorato e che, oltretutto in odore di affiliazione, esautorano i rappresentanti del popolo.
Oggigiorno, i grandi affari sono costituiti dallo smaltimento dei rifiuti tossici industriali e dalla movimentazione terra per le piccole e grandi opere.
Infatti, abbandonati i traffici come droga e prostituzione, da sempre perseguiti dalle polizie generaliste, gli illeciti sono oggi commessi dalle nuove eco e zoomafie, sulle quali solo il Corpo Forestale dello Stato ha la strumentalità e la specifica professionalità d’indagine.
 
Quindi a trarre vantaggio dallo smembramento della Forestale saranno le mafie.
Questo a Renzi è stato detto e dimostrato da tutti: da associazioni ambientaliste, animaliste, culturali, sportive; da rappresentanze di categoria ; dall’antimafia tutta (procure, commissioni parlamentari, associazioni).
Quindi Renzi è accusato di essere o ottusamente incapace, oppure arrogantemente antidemocratico, oppure occultamente colluso.
 
A chiarire e completare il disegno renziano, è il contrastatissimo tentativo di accorpare la Forestale ai Carabinieri.
L’arma militare estenderebbe le sue funzioni di controllo e schedatura dei cittadini italiani anche al controllo e militarizzazione del territorio nazionale, dogane comprese, qualora assorbisse le strutture, i terreni demaniali e le competenze della Forestale, polizia civile di prossimità, dedita alla prevenzione del reato, alla tutela ambientale e all’educazione ecologica.
Quindi è più di un sospetto che Renzi, o scientemente o cialtronescamente, sia un liberticida.
prof. Antonella Giordanelli