Ex silvis ad gloriam !

monumento montesilvano.jpg

Come ex dirigente del cfs assegnato al mipaaf senza consenso alcuno a fare il dirigente del nulla senza incarico e con perdita economica sostanziosa, leggo tutti i vostri messaggi amari, pieni di sale e di legittima e condivisibile rabbia. Vi comprendo tutti, perché sto vivendo sulla mia pelle le stesse vostre ingiustizie e sofferenze.
 Ho lottato , insieme a molti di voi, fino al 31 dicembre 2016 per salvare il nostro amato Corpo forestale dello Stato, ma ho trovato sempre un muro politico più alto è più forte di noi. Ho provato, con alcuni di voi, in questi mesi a far inserire nel decreto correttivo al decreto legislativo n.177/2016 modifiche in favore del personale, ma ho sempre trovato un muro di gomma che ci ha schiacciato, facendoci sentire delle nullità.
Sto contattando alcuni movimenti e partiti politici per ricostruire nella prossima legislatura un servizio forestale nazionale ad ordinamento civile. Ma temo di ricevere solo promesse elettorali (tuttavia, con i 5 stelle il progetto è molto più serio e avanzato). Andrò avanti fino all’ultimo: ultimo tra gli ultimi, a mantenere viva la plurisecolare importanza del Corpo forestale in questo martoriato Paese. Lotterò con le unghie per ricostruire un amministrazione forestale dello Stato ad ordinamento civile. 
Presto, salvo modifiche dell’ultimo momento, andrò a ricoprire un incarico incisivo nella istituenda Direzione generale delle foreste e forse avrò finalmente qualche strumento in più per difendere il nostro ricchissimo patrimonio boschivo, le nostre bellissime foreste e i nostri numerosissimi alberi monumentali. Vi invito tutti da un lato a resistere e a non mollare mai e dall ‘ altro a restare tranquilli, a sedare la vostra comprensibile rabbia, a mettere da parte lo stress e soprattutto a non deprimervi e a controllare le vostre reazioni, senza scadere mai nel turpiloquio o peggio nel vilipendio. Accettate con serenità i nuovi incarichi, in qualunque amministrazione dello Stato siete transitati. Cogliete le nuove opportunità professionali. Siate ottimisti. Pensate sempre in positivo. Resistete a questi cambiamenti e non fatevi cambiare. Mantenere nei vostri cuori l’anima del forestale, nel vostro spirito i valori del forestale e nelle vostre menti la professionalità del forestale.
Trovate nei valori forestali più veri e autentici la forza per rialzarvi in piedi e tornare più forti di prima. E soprattutto siate sempre pronti a lottare per ricostituire presto una nostra nuova casa. Siamo nel giusto. Non abbiamo commesso alcun errore. Eravamo i migliori. Siamo rimasti brave persone, grandi lavoratori e persone altamente formate, qualificate e specializzate. Non abbiamo nulla di cui vergognarsi, ma solo tanti valori e principi di cui andare fieri. Dobbiamo solo recuperare fiducia in noi stessi, ritrovando quel sano orgoglio e spirito di corpo che ci ha sempre unito. Lo dobbiamo a noi stessi , al nostro glorioso Corpo forestale e alla parte migliore della nostra amata Italia. Ce la faremo. Insieme, uniti e resilienti. Con tanto affetto, da un vostro ex dirigente forestale 
Ex silvis ad gloriam!

 

Dal diario di un assistente:

Giorno 4 Agosto 2015, ore 5:30.
La notte è stata lunga. Da casa di un mio fraterno collega che mi ha ospitato, guardo e osservo il Monte Terminillo sotto un meraviglioso cielo stellato. E’ quasi l’alba: le montagne e i boschi circostanti sono baciati dai primi raggi del sole, il cinguettio degli uccelli incomincia a farsi sentire; la brezza fresca mattutina mi penetra negli occhi; inevitabilmente mi affiorano dei pensieri. Penso al mio lavoro, alla mia cara ed amata divisa, ai miei colleghi predecessori in vita ed in cielo che hanno conservato e protetto questo patrimonio naturale per me e per tutti gli Italiani, e purtroppo, senza volerlo scoppio in lacrime. Mi è capitato rare volte di piangere nella vita, ma in questo periodo della vita sono davvero tanto triste ed affranto. Finora, l’Amministrazione mi ha regalato più dissapori che gioie, ma sono ugualmente e perdutamente innamorato. Tante sono ed erano le cose che non funzionavano, ma non per questo meritavamo la soppressione. Sapevo che la politica fosse marcia e schifosa, ma non pensavo mai arrivasse al punto di cancellare ben 193 di storia al servizio della natura per il Paese.
Stamattina scendo in piazza a Roma convinto più che mai, contro le lobby politiche di ogni colore(soprattutto rosse), contro il “bullo fiorentino” ed il suo governo di “non eletti”, contro quei colleghi che hanno sempre sperato in una nostra chiusura e contro quei Superiori che con discorsi “perbenisti e moralisti” (alla Renzi) accettano il passaggio nei CC , senza aver mai indossato una divisa.
Messaggio per il Presidente scout Renzi : se Anziché andare a giocare da Mike Buongiorno alla Ruota della Fortuna, avessi marciato (io ti avrei fatto marcire) indossando le stellette qualcosa di meglio di certo riuscivi a fare… PDiota!!! ……
ed ora LEGGI, CHINATI, BACIALA, MEDITA e poi POMPA…..ALLIEVO RENZI!!!
Le decorazioni e le onorificenze alla bandiera del Corpo forestale dello Stato sono:
1.Croce di Cavaliere dell’Ordine Militare d’Italia: Guerra Italo-Etiopica (1935-1936)
Conferita dal Re come Capo e Gran Maestro dell’Ordine Militare di Savoia.
Motivazione: “Sempre magnifica nelle più aspre battaglie, seppe credere, obbedire, combattere, dando il più generoso contributo di valore e di sangue per la gloria e le insegne di Roma”. Roma 27 gennaio 1937

  1. Medaglia d’Argento al Valor Militare: Guerra Italo-Etiopica (1935-1936)
    Conferita dal Re su proposta del Capo del Governo.
    Motivazione: “In sei mesi di aspra campagna sia nella difesa, che nell’offesa, si prodigava in fatica, valore e coraggio, oltre ogni limite di sacrificio. In violenti combattimenti ha inflitto al nemico fortissime perdite, spianando la via alla vittoriosa avanzata bagnando con sangue generoso delle sue camicie nere il terreno conquistato dal valore dei figli della nuova Italia”. Somalia, dicembre 1935 – maggio 1936
  2. Medaglia d’Oro al Valor Civile: Per le avversità atmosferiche (1956)
    Conferita dal Presidente della Repubblica su proposta del Ministero degli Interni.
    Motivazione: “Sotto l’imperversare delle eccezionali nevicate dell’inverno scorso, il Corpo forestale dello Stato si prodigava con alto senso del dovere, dedizione assoluta e spirito di umana solidarietà, nell’opera di soccorso alle popolazioni duramente colpite.
    In nobile gara di altruismo i forestali portavano nelle località impervie il loro aiuto fraterno, concorrendo con operante slancio ed anche con il tributo di sangue di uno dei loro ad alleviare i disagi causati alle popolazioni dalle avversità atmosferiche. Al Corpo forestale dello Stato va pertanto la memore riconoscenza della Nazione”. Febbraio-marzo 1956.
  3. Medaglia di Bronzo al Merito Civile: Disastro del Vajont (1964)
    Conferita dal Presidente della Repubblica su proposta del Ministero degli Interni.
    Motivazione: “In occasione dell’immane disastro del Vajont, subito accorreva con i propri uomini e mezzi, efficacemente collaborando nell’opera di soccorso ai superstiti, nel recupero delle salme e nello sgombero delle macerie, con grande abnegazione e spirito di sacrificio”. Ottobre 1964.
  4. Medaglia d’Oro al Valor Civile: Terremoto Campania e Basilicata (1980-1981)
    Conferita dal Presidente della Repubblica su proposta del Ministero degli Interni.
    Motivazione: “In occasione del violento sisma abbattutosi sull’Irpinia e la Lucania, il Corpo forestale dello Stato impegnava fin dal primo momento, con encomiabile slancio e generoso altruismo, ogni energia nelle operazioni di soccorso. Presente con uomini e mezzi, malgrado le innumerevoli difficoltà e le incombenti situazioni di pericolo, si prodigava infaticabilmente con perizia non comune in un’opera generosa e instancabile, offrendo luminosa testimonianza di valore ed altissimo senso di abnegazione”. Sisma del novembre 1980.
  5. Medaglia d’Oro al Valor Civile: Alluvione del Piemonte (1994-1995)
    Conferita dal Presidente della Repubblica su proposta del Ministero degli Interni.
    Motivazione: “In occasione della violenta alluvione abbattutasi su Piemonte e Emilia Romagna, che causava vittime e ingentissimi danni, il personale del Corpo forestale dello Stato, dando prova ancora una volta di elevatissima professionalità, di encomiabile spirito, di sacrificio e di incondizionato impegno, interveniva in soccorso delle popolazioni colpite e, prodigandosi con immediatezza, efficacia e sensibilità in un’opera generosa e instancabile, garantiva il graduale ritorno alla normalità”. Novembre 1994.
  6. Medaglia d’Oro al Merito Ambientale: Per l’opera svolta dal Corpo forestale dello Stato a favore dell’ambiente (1994). Conferita dal Ministro dell’Ambiente.
    Motivazione: “Per aver sviluppato una insostituibile azione di tutela capillare di educazione ai valori della natura e di gestione attenta del patrimonio naturale del paese, svolgendo importanti operazioni di controllo, prevenzione e repressione di numerose violazioni di norme in materia ambientale, mantenendo sempre un dialogo sereno e positivo con l’opinione pubblica. Il Corpo, costante espressione di aderenza alle reali esigenze del paese, ha mantenuto intatto ed ha rafforzato nel tempo, superando notevoli difficoltà organizzative, lo spirito di incondizionato servizio verso il patrimonio naturale comune a tutti i cittadini e fondamento dei valori di convivenza civile”
  7. Medaglia d’Argento della Croce Rossa Italiana: Per l’opera svolta dal Corpo forestale dello Stato nel soccorso delle popolazioni colpite dalle calamità naturali (1996). Conferita dal Presidente della Croce Rossa Italiana.
  8. Medaglia d’Oro al Valor Civile: Terremoto Umbria e Marche (1997)
    Conferita dal Presidente della Repubblica su proposta del Ministero degli Interni.
    Motivazione: “In occasione del violento terremoto che interessava vaste zone dell’Umbria e delle Marche, causando vittime e ingentissimi danni, il Corpo forestale dello Stato si prodigava sin dalle prime ore con uomini e mezzi in soccorso delle popolazioni colpite e contribuiva, con perizia non comune ed altissimo senso del dovere, a porre in salvo numerose vite umane e ad alleviare le sofferenze e i disagi delle comunità provate dal tragico evento. Nonostante l’incessante ripetersi delle scosse telluriche di elevata intensità, proseguiva poi instancabilmente a prestare, in ogni momento e in ogni circostanza, incondizionata ed efficiente assistenza, suscitando l’ammirazione e la gratitudine della Nazione”. Autunno -inverno 1997
  9. Medaglia d’Oro al Valor Civile: 180° Anniversario della fondazione del Corpo forestale dello Stato (2002). Conferita dal Presidente della Repubblica su proposta del Ministero degli Interni
    Motivazione: “Sempre fedele alle sue gloriose tradizioni di presidio del territorio montano e rurale, costante espressione di aderenza ai diritti dei cittadini ed alle reali esigenze del Paese, il Corpo Forestale dello Stato ha difeso il patrimonio naturalistico della Nazione, bene comune e fondamento dei valori di civile convivenza. Con la sua insostituibile ed efficiente opera che ha comportato impegno, capacità professionali e conoscenze tecniche non comuni, oltre ad assoluta abnegazione, come dimostrano le numerose vittime cadute nell’adempimento del loro dovere nello svolgimento delle varie attività istituzionali, ha concorso al rafforzamento della coscienza civica ed alla nascita ed allo sviluppo della cultura dell’ambiente”.
  10. Medaglia d’oro al Merito Civile: 183° Anniversario della fondazione del Corpo forestale dello Stato (7 ottobre 2005). Conferita dal Presidente della Repubblica su proposta del Ministero degli Interni.
    Motivazione: “Nel corso dell’ultimo triennio il Corpo Forestale dello Stato, fedele ad una lunga e gloriosa tradizione a difesa del patrimonio naturalistico della nazione, svolgeva con encomiabile impegno, elevate capacità professionali e incondizionata abnegazione una capillare azione di controllo del territorio, nonché di presidio di punti sensibili del Paese, prevenendo e contrastando efficacemente deleteri fenomeni di inquinamenti, abusi edilizi, incendi boschivi, bracconaggio e contribuendo fattivamente al mantenimento dell’ordine e della sicurezza pubblica”. Territorio nazionale 2003-2005.
  11. Medaglia d’Oro al Merito Civile: Conferita dal Presidente della Repubblica su proposta del Ministero degli Interni.
    Motivazione: “Nel corso del triennio 2004-2006 il Corpo forestale dello Stato svolgeva, con encomiabile dedizione e spiccata professionalità, numerose azioni di contrasto alle violazioni in materia agroalimentare rivolte alla tutela del consumatore e alla protezione della salute dei cittadini, contribuendo fattivamente a garantire la sicurezza ed il rispetto della normativa comunitaria in materia. Gli interventi compiuti, con estrema abnegazione, rara perizia ed altissimo senso del dovere hanno arricchito la mirabile tradizione di valore ed efficienza del Corpo, suscitando, ancora una volta, la riconoscenza della Nazione tutta”. Territorio nazionale 2004-2006.
  12. Medaglia di Bronzo al Merito Civile: 186° Anniversario della fondazione del Corpo forestale dello Stato (17 ottobre 2008). Conferita dal Presidente della Repubblica su proposta del Ministero degli Interni.
    Motivazione: “Al verificarsi di una vera e propria emergenza in relazione al fenomeno degli incendi boschivi che nella primavera – estate del 2007 interessavano la gran parte del territorio nazionale, il Corpo forestale dello Stato si prodigava con dedizione, professionalità e spirito di sacrificio nella relativa attività di contrasto. La spiccata competenza, l’abnegazione e l’altissimo senso del dovere dimostrati dal personale del Corpo nel coordinamento delle forze terrestri ed aeree utilizzate nell’opera di spegnimento, nell’investigazione finalizzata ad individuare i responsabili degli incendi e nella rilevazione sistematica delle superfici percorse dal fuoco risultavano determinanti per il contenimento del fenomeno e la limitazione dei danni, suscitando l’unanime sentimento di gratitudine e riconoscenza per la salvaguardia della pubblica incolumità e la difesa del patrimonio ambientale del Paese”. Territorio nazionale primavera – estate 2007.
  13. Medaglia d’Oro al Merito Civile: 187° Anniversario della fondazione del Corpo forestale dello Stato (14 ottobre 2009). Conferita dal Presidente della Repubblica su proposta del Ministero degli Interni.
    Motivazione: “Nel corso dell’ultimo triennio il Corpo forestale dello Stato, fedele alla propria storia professionale dedicata alla tutela del patrimonio naturale, ha svolto, con encomiabile zelo, un determinato ruolo di attiva presenza sul territorio, contrastando condotte illecite nei settori della gestione dei rifiuti, dell’utilizzo delle risorse idriche e dell’ambiente. Gli innumerevoli interventi compiuti, con incondizionata dedizione ed altissimo senso del dovere, hanno contribuito ad arginare episodi di forte allarme sociale, confermando l’impegno del Corpo contro il degrado del patrimonio della Nazione a difesa della salute pubblica”. Territorio nazionale 2007-2009.
  14. Medaglia d’Oro al Merito Civile: 188° Anniversario della fondazione del Corpo forestale dello Stato (8 ottobre 2010) Conferita dal Presidente della Repubblica su proposta del Ministero degli Interni.
    Motivazione: “In occasione del disastroso sisma che sconvolgeva la Regione Abruzzo provocando molte vittime e danni inestimabili, le donne e gli uomini del Corpo Forestale dello Stato, sin dalle prime ore, si prodigavano con encomiabile dedizione e grande spirito di solidarietà al servizio della collettività, contribuendo a salvare molte vite umane e ad alleviare le sofferenze e i disagi della popolazione duramente provata dal terremoto. La presenza costante sul territorio e i numerosi interventi, effettuati con assoluta abnegazione, hanno suscitato ancora una volta il plauso e la riconoscenza della comunità locale e della Nazione tutta”. 6 aprile 2009 – L’Aquila

 

Aggiornamento di una terremotata:

  1. Cancellazione su Gazzetta Ufficiale: 194° Anniversario della fondazione del Corpo forestale dello Stato Firmata dal Presidente della Repubblica su proposta del Consiglio dei Ministri (13 settembre 2016). Motivazione: “In occasione del disastroso sisma che sconvolgeva le Regioni Marche,Umbria, Lazio provocando vittime e danni inestimabili, le donne e gli uomini del Corpo Forestale dello Stato, sin dalle prime ore, si prodigavano con encomiabile dedizione e grande spirito di solidarietà al servizio della collettività, contribuendo a salvare molte vite umane e ad alleviare le sofferenze e i disagi della popolazione duramente provata dal terremoto. La presenza costante sul territorio e i numerosi interventi, effettuati con assoluta abnegazione, hanno suscitato ancora una volta il plauso internazionale e la riconoscenza della comunità locale e della Nazione tutta”. 24 agosto 2016 – Roma

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...