ESCHE AVVELENATE

Il deputato Massimiliano Bernini del Movimento Cinque Stelle ha presentato un’interrogazione a risposta scritta al Ministro delle difesa su alcuni procedimenti disciplinari nei confronti di ex sindacalisti già in forza al disciolto Corpo forestale dello Stato ed ora confluiti nell’Arma dei Carabinieri.

Si legge testualmente nell’integrazione che “il 27 aprile 2017 l’Agenzia di stampa Agenparl ha diffuso un comunicato dal quale l’interrogante ha potuto apprendere dell’instaurazione di procedimenti disciplinari nei confronti di ex sindacalisti già in forza al disciolto Corpo forestale dello Stato ed ora confluiti nell’Arma dei carabinieri; «L’azione punitiva sarebbe stata avviata per questioni che non riguardano il servizio né la disciplina militare, ma la libertà di espressione su Facebook»;

ad avviso dell’interrogante questo fatto, se confermato, determinerebbe una gravissima limitazione dei diritti costituzionali come affermato dal segretario del Partito per la tutela dei diritti dei militari, «L’eventuale sanzione disciplinare lederebbe irrimediabilmente quel poco che resta dei diritti dei lavoratori dell’ex Corpo forestale dello Stato dopo la forzata militarizzazione, avvenuta a seguito dell’entrata in vigore, di una discutibile riforma della pubblica amministrazione voluta dal governo Renzi su iniziativa della Ministra Madia»;

l’interrogante teme che «le entusiastiche parole con cui il vertice dell’Arma accolse i nuovi carabinieri forestali siano state già dimenticate e che la situazione stia sfuggendo di mano» –:

se il Ministro sia a conoscenza dei fatti esposti e se non ritenga di dover promuovere un immediato intervento dell’Arma dei carabinieri al fine di fare chiarezza sulla vicenda e per superare i timori espressi in premessa.

Illustre generale Del Sette,

lo scorso 27 aprile la notizia di singolari azioni disciplinari nei confronti di ex sindacalisti del soppresso Corpo forestale dello Stato transitati nell’Arma dei carabinieri ha fortemente colpito l’opinione pubblica ed alcune organizzazioni sindacali che svolgono la loro funzione di tutela del personale delle forze di polizia ad ordinamento civile.

Sulla questione, estranea al servizio e alla disciplina militare giacché concernente l’espressione di opinioni sul social network Facebook, sono state molteplici le richieste di un suo doveroso e autorevole intervento e l’eco mediatico che ne è scaturito sembrerebbe aver portato con sé anche i buoni consigli volti ad evitare la pericolosa deriva antidemocratica verso la quale, inevitabilmente, si sarebbero incamminati i vertici dei carabinieri forestali se avessero proseguissero nell’azione disciplinare contro ex esponenti del mondo sindacale.

Oggi mi vedo costretto a tornare sulla questione avendo appreso che nei confronti dei medesimi soggetti sarebbero ora in corso procedimenti di trasferimento da una sede di servizio ad un’altra motivati da una asserita incompatibilità in ragione di pregressi e lontani rapporti di natura sentimentale.

Generale cosa sta succedendo nell’Arma dei carabinieri? Il solo pensiero di sanzionare disciplinarmente la libertà di espressione di un’appartenente all’Arma sarebbe già grave. Avviare un trasferimento di sede motivato da pregressi rapporti sentimentali lo sarebbe ancora dì più. Sarebbe inaccettabile anche alla luce delle ampie ed esaustive motivazioni con cui il Consiglio di Stato ha recentemente rimesso davanti alla Corte Costituzionale la questione di legittimità costituzionale sul divieto che impedisce ai militari l’esercizio delle libertà e dei diritti sindacali.

Generale, non come segretario del Partito per la tutela dei diritti dei militari e forze di polizia ma come semplice cittadino, alla luce dell’evoluzione sociale e giurisprudenziale che si è avuta nel resto d’Europa auspico un suo maggiore e prudente bilanciamento dell’azione di comando rispetto ai diritti fondamentali di cui godono anche tutti i Carabinieri

Luca Marco Comellini

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...