La clorofilla nel sangue

forestale-stilizzata

Sono nato Forestale 53 anni fa: merito di mio nonno, Capo vivaista forestale, che mi ha insegnato da piccolo a conoscere e a rispettare le piante e gli animali trasmettendomi così l’amore per la natura.

Nel 1988, anno del mio corso da allievo, il Dr. Carlangelo Bertini, direttore emerito della Scuola Forestale, ci assegnò un tema in cui spiegare le ragioni della scelta di entrare nel Corpo Forestale dello Stato. Nello svolgimento scrissi che le mie motivazioni riponevano essenzialmente nell’amore per un lavoro che non ritenevo un vero lavoro ma qualcosa che andava al di là, qualcosa che trascendeva il mero interesse economico. Ritenevo, scrissi, di avere la clorofilla nel sangue e ancora oggi riassumo così i miei sentimenti più reconditi. Era scritto nel mio DNA e, pur avendo vinto un concorso per Vice Brigadiere dei Carabinieri prima e Agente ausiliario della Polizia di Stato poi, la mia vita era e doveva essere nel Corpo Forestale dello Stato.

Quelli erano anni in cui si entrava nell’Amministrazione per passione attraverso una adeguata selezione e istruzione. Per fare il Forestale era preferibile frequentare l’Istituto Tecnico Agrario e poi, per accedere al concorso, era bene acquisire una serie di attestati e patenti attinenti la professione anche lavorando d’estate da operaio nei cantieri di rimboschimenti, si sistemavano le frane, si salvavano gli animali… Passione non lavoro dunque .

Erano anni in cui i vivai forestali sfornavano milioni di piante che andavano a rinverdire le montagne. Anni in cui di incendi dolosi ce n’erano veramente pochi e non servivano aerei ed elicotteri ma solo pale, flabelli, sudore e sacrifici.

Poi sono arrivate le Regioni, le Comunità Montane e altri enti e con essi l’inesorabile declino. Così il vivaio in cui sono nato al pari di altri luoghi similari sono diventati (metafora dei tempi) desolati monumenti all’insipienza umana.

Nonostante questo delirio dissolvente il Corpo Forestale però è rimasto sempre ben saldo a presidio dei suoi principi.

Poi sono arrivati i sindacati interni. Beceri caproni! Tronfi di un potere “grimaldello” teso solo a rinnegare il passato e a svilire i valori fondanti dell’Amministrazione. Hanno iniziato con l’attaccare l’ASFD divenuta prima ex e successivamente costretta a ripiegare in UTB. All’ASFD veniva addebitato di essere uffici privilegiati, di essere “la Forestale di serie A”. Mi sono sempre chiesto quale forma di pazzia guidasse coloro che reclamavano l’abolizione della serie A per privilegiare la serie B.

Anche il “martello forestale”, simbolo e strumento fondamentale del Forestale per la corretta gestione dei boschi, dava fastidio agli stanchi sindacalisti nostrani! Per loro era meglio che il Forestale stesse sulle strade a controllare gli automobilisti piuttosto che studiare la botanica, la biologia, l’entomologia o la dendrometria, a proteggere insomma la nostra vita.

Stante queste forze disgregatrici fu facile allora per una certa politica reclamare la regionalizzazione del CFS.

Ci volle l’autorevolezza morale del Capo del CFS dell’epoca per neutralizzare il Decreto di regionalizzazione già adottato dal Governo e approvare subito dopo la legge di riforma. Questa, contrabbandata sordidamente sotto altra paternità, ebbe il merito di restituire all’Amministrazione dignità e autorevolezza, di inserirla fra le forze di polizia e di legittimarne la presenza nel Comitato Nazionale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica nel quale peraltro il Direttore Generale pro-tempore era già stato chiamato in segno di riguardo personale.

Purtroppo quella legge che avevamo salutato tutti come una inaspettata conquista diventò subito dopo uno strumento micidiale di premiazione o di punizione in mano a uomini che rispondevano solo alla politica di un certo colore. La riforma, concepita per accrescere autorevolezza e credibilità, venne subito utilizzata per interessi personali e sindacali ben noti a tutti e per favorire una classe dirigente ipertrofica e per lo più incompetente. Inoltre, imbevuti di protagonismo e incapaci di gestire il potere loro conferito, molti forestali, che tali nell’animo non sono mai stati, si sono compiaciuti di utilizzare le funzioni di polizia per improbabili operazioni giustizialiste facendo imbestialire (o ridere) le forze di polizia tradizionali che certamente se la sono legata al dito, come suol dirsi, farcendoci pagare il prezzo che conosciamo.

Ecco perché un Governo di irresponsabili ha potuto assecondare con tanta facilità le bramosie dei concorrenti decidendo di sopprimere nella indifferenza generale una Amministrazione che ha reso servizi straordinari al Paese per quasi due secoli. Gli italiani, narcotizzati dalle difficoltà in cui si dibattono, hanno creduto a questi millantatori, soprattutto il Capo del CFS, che hanno raccontato che si sarebbero realizzati dei risparmi e che le funzioni forestali sarebbero state potenziate. Sfrontate bugie che offendono il buon senso dato che tutti i Paesi hanno una “Forestale”, anche se con denominazioni diverse, al servizio del bene comune che è la natura.

In realtà la Forestale ha contribuito a rendere l’Italia una nazione migliore dal punto di vista ambientale. E’ stata la protagonista assoluta del riscatto sociale ed economico della montagna italiana, ha difeso piante, animali, aria, terra e acqua. Ha alimentato la coscienza ambientale con i suoi boschi a salvaguardia delle montagne, dei fiumi e dei laghi, ha realizzato la più imponente rete di sistemazioni idraulico-forestali a difesa delle valli, ha custodito la biodiversità nazionale, ha recuperato ambienti e reintrodotto animali dove scomparsi. Ha creato parchi e riserve, aree protette a tutela di uno straordinario patrimonio naturale per il futuro ed il benessere dei posteri.

Per queste cose meravigliose il Corpo è sempre stato amato e rispettato in virtù della sua altissima professionalità che non si improvvisa ma si costruisce giorno per giorno attraverso l’impegno e i sacrifici. Ora tutto è perduto: il 31 dicembre 2016 il benemerito Corpo Forestale dello Stato è cessato di esistere per mano di un potere politico spregevole, di un Capo del Corpo che ha avuto tutto e non ha dato nulla, per la gioia dei tanti giustizialisti che berranno dai pozzi che hanno avvelenato.

 

Antonio Di Lizia

Ex ispettore superiore pilota del Corpo Forestale dello Stato

Annunci

5 thoughts on “La clorofilla nel sangue

  1. Nicola d'Amico 18 gennaio 2017 / 0:56

    Anch’io mi sono arruolato nel CFS credendoci. E anche quando ho fatto il concorso io c’era la preselezione per titoli. Peccato che ho poi scoperto che gente con patenti equestri non aveva mai visto un cavallo ed altre simili amenità. Concordo sul fatto che l’istituzione delle Regioni ha apportato più danni che benefici. Ma rilevo non rispondere al vero che la soppressione dell’ASFD sia riconducibile ai sindacati; questi hanno sicuramente tante colpe, ma non questa (anche in quell’occasione fu il Governo, con d.lgs., a farlo, su richiesta delle Regioni). Quanto al CFS di seria A e di serie B, non condivido: io ho conosciuto tante diverse “anime” interne al Corpo, tutte gestite molto personalisticamente dai vari capi, che mai han fatto nulla per amalgamarle. Certo, tralasciando i compiti di polizia, quando i territoriali impiegati su incendi vedevano i ‘colleghi’ dell’azienda che, a 50 metri di distanza, li guardavano standosene al di la della rete della riserva con le braccia conserte, senza muovere un dito, un po’ d’incazzatura gli veniva.

    Mi piace

  2. Marco 18 gennaio 2017 / 8:58

    Caro Antonio,
    non sono un Forestale, purtroppo, ma sono solidale con te e con tutti i colleghi che sono feriti da questa schifosa riforma.
    Io, per quel che vale, non ho creduto ai falsi profeti di facili risparmi e razionalizzazioni.
    Nel mio piccolo farò il possibile affinché i nomi di coloro che hanno affossato il Corpo Forestale dello Stato non vengano mai dimenticati e vengano per sempre impressi a fuoco nel “Registro della Vergogna” ad imperitura memoria…

    Liked by 1 persona

  3. Nicola FIORENZA 18 gennaio 2017 / 10:39

    Condivido in toto quanto scrive il Collega Antonio Di Lizia. Ispettore Superiore Forestale I.P. e non EX.-Non ho mai visto ne letto su documenti di appartenenti a Cc. GF. ecc., in pensione, la definizione EX- solo i.p. — Nel mezzo del lungo cammino della mia vita di FORESTALE: V.P.O.- Pubblico Ministero; Responsabile unico di Sezione di Polizia Giudiziaria; -Circa 10 anni-;Componente della Commissione disciplinare per gli Ufficiali di P.G. presso la Corte d’Appello di Catanzaro; Artefice principale nella cattura di tre pericolosi latitanti dediti alla coltivazione e al traffico di stupefacenti.Conseguente sequestro di Ha.1,5 di piantagione di Canapa Indiana gia’ matura e in fase di raccolta/lavorazione in loco. Per gli sporchi intrallazzi di alcuni generali, compreso l’oriundo, capo del Corpo, hanno svenduto il Nobile Corpo Forestale dello Stato, per salvarsi il proprio culo da sicure condanne penali abbastanza rilevanti.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...