Non ho mai commesso nessun reato, eppure mi tolgono diritti…….ho sbagliato qualcosa?

bimborso

 
Settembre
Cari colleghi Forestali, persone, cittadini: se viene tolta la “libertà di scelta”, si diventa servi. Per non essere mai servi, ma cittadini consapevoli lottiamo in tutti i modi possibili senza cedere a ricatti, paure o mere convenienze del momento. La battaglia per essere liberi DEVE essere una battaglia ideale. RICORSI,RICORSI,RICORSI fino alla vittoria, a qualcuno di noi fanno paura le loro minacce, loro temono e tremano per i Forestali uniti nella lotta. UNITI SI VINCE! 
Cercheranno in tutti i modi di non far fare ricorsi:
ci saranno i consigli bonari e saccenti, le velate minacce, le recondite paure sul mantenimento del posto di lavoro, le evocazioni del rischio di ritorsioni da parte dell’amministrazione, le delegettimazioni dei sindacati, dei movimenti, dei comitati, dei gruppi…
Le proveranno tutte, poiché se ci saranno migliaia di ricorsi PERDERANNO

Ottobre
Cari colleghi, adesso dobbiamo essere uniti per far sospendere l’attuazione della “Riforma Madia”, sospendere l’aberrante idea della militarizzazione di uomini e donne civili del Corpo Forestale dello Stato, sospendere la cancellazione di diritti, che solo l’arroganza, il menefreghismo verso la serenità di 8000 famiglie e lo spregio delle regole caratteristico della guida renziana, poteva concepire.

Volevo ricordare ai nostri politici ed agli organi di controllo democratici di prestare attenzione alla suddivisione ed attribuzione di poteri dello Stato:
1)Potere Legislativo al Parlamento;
2)Potere Esecutivo al Governo;
3)Potere Giudiziario alla Magistratura.
Altre amministrazioni dello stato, civili o militari o chiunque altro, che eserciti o cerchi di esercitare “potere”, per qualsivoglia interesse, lo fa in modo non previsto dalle regole repubblicane e va fermato.
Viva il Corpo Forestale dello Stato, Viva la Costituzione repubblicana ed antifascista, Viva l’Italia!
 
Novembre
Il Corpo forestale dello Stato sarà soppresso e le competenze verranno svolte dall’arma dei carabinieri.
Il personale che transita nell’arma diventa militare.
Il passaggio da personale civile a personale militare comporta la perdita di diritti costituzionalmente sanciti, per cui non può essere obbligatorio.
Chi sceglie di mantenere i propri diritti viene buttato fuori dal comparto sicurezza e catapultato nel baratro incerto della mobilità.
Questo è un ricatto occupazionale operato a carico di una categoria che con lo stipendio ci vive appena.
Questa è la democrazia renziana.
Speriamo lo comprendano i giudici dei TAR prima e della Corte Costituzionale poi, i Forestali faranno RICORSO a migliaia.
Noi lo ricorderemo tutti, insieme alle nostre famiglie, amici, parenti lontani e conoscenti il 4 dicembre 2016 votando NO.e
Se un datore di lavoro privato avesse ricattato in questo modo i suoi dipendenti sarebbe stato processato: i nostri ricattatori scrivono le leggi e riformano la Costituzione.
 
Dicembre
Il 01/01/2017 INCOMBE: 8000 persone, 8000 famiglie vivono da due anni nell’incertezza che si compia questa folle cancellazione di diritti. Folle ed anacronistica l’idea della militarizzazione delle funzioni di polizia ambientale, ABERRANTE per un governo a guida PD che “si professa” di sinistra procedere ad un taglio di diritti di cittadini: sindacati autonomi chiusi, divieto di associazione sindacale, divieto di sciopero e manifestazione, dovere all’assoluta obbedienza gerarchica, giurisdizione dei tribunali militari; questi i primi evidenti effetti della militarizzazione dei lavoratori del Corpo Forestale dello Stato. Sia uomini e donne in divisa che uomini e donne dei ruoli tecnici ( che non hanno mai avuto a più di 50 anni un’arma in mano) vestiranno le nere divise dell’Arma dei Carabinieri che saranno per tutti il simbolo dell’autoritarietà dittatoriale del governo Renzi e della deportazione forzata. Fermiamo questo scempio finchè siamo in tempo!!!! 
 
Sono costretto a prendere atto che i nostri diritti di lavoratori, le nostre passioni, le nostre scelte, l’organizzazione delle nostre famiglie, la nostra libertà di sceltà, sono PROPRIETA’ DELLO STATO che ne dispone liberamente. Da bambino sognavo di fare il Forestale, ho studiato scienze Forestali all’università, per passione…..per passione ho fatto due concorsi fino diventare agente del Corpo Forestale dello Stato, corpo di polizia dello stato ad ordinamento civile……….mi ritrovo MILITARE e CARABINIERE contro la mia volontà. E dal 01/01/2017 quello che ho scritto sopra non potrò neanche più scriverlo. Credevo di essere un UOMO LIBERO in uno STATO DEMOCRATICO: SBAGLIAVO!
 

Ma….mi piacerebbe sapere, oltre la formalità dei comportamenti, cosa pensano i Generali dei Carabinieri, quelli che sono diventati Generali a suon di principi ed accademia…..quando si accompagnano con i futuri generali del ruolo forestale, gente che per sottomissione ed interesse hanno svenduto i loro uomini…..

Adolfo Notargiacomo

Annunci

One thought on “Non ho mai commesso nessun reato, eppure mi tolgono diritti…….ho sbagliato qualcosa?

  1. rinaldo cusi 31 dicembre 2016 / 18:42

    che brutta storia …. che inutile soppressione , qui si sono persi il cervello…

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...