FRODE XYLELLA: UN “GOLPE SOFT” MA ALTRETTANTO SPREGIUDICATO!

piante-ulivo-secolari-13-1-600x400

E’ un grande Onore aver avuto a fianco in questi mesi e anni veramente così difficili, nel contrasto della maxi-truffa criminale e agguerrita della Xylella, così tanti amici e così tante persone di grande cuore e coraggio.

La verità è che oggi è stato finalmente fatto cadere dalla Procura di Lecce il disegno criminale e infame contro la salute pubblica, contro la Natura e contro il territorio salentino.

Al procuratore capo Cataldo Motta, all’aggiunto Elsa Valeria Mignone e al sostituto Roberta Licci in primis,  alfieri paladini di Verità e Saggio buonsenso, e quindi piena Giustizia, sostegno massimo, popolare calore e ringraziamento, per quello che è stato un vero e proprio Colpo di Stato all’interno dello Stato, un “golpe soft” nella sua affermazione ma non per questo meno spregiudicato, il primo colpo di stato in Unione Europea, forse, interamente mosso dagli interessi delle multinazionali;
e certamente siamo stati vittime, nella Frode subita, di un esperimento di assoggettamento militare e politico, attraverso scuse pseudo-scientifiche, campagne mediatiche volte a terrorizzare, e vera e propria propaganda da regime autoritario da stato marziale, di un’intera regione e del suo Popolo.

Uno squallido esperimento, come anche un golpe, amaramente fallito per i loro fautori, dei quali qui vediamo prevalentemente le facce dei traditori locali prestati a queste meschinità di mostruosità senza fondo e che tentavano di aprir ai loro padroni le porte della nostra terra assediata, dal suo interno. È un giorno importante all’interno di quella che è e si dovrà ricordare nella storia del Salento come purtroppo una vera e propria “guerra” di resistenza e difesa, che ha visto unito è ha unito i salentini dal cuore più bello e pertanto tantissimi tantissimi salentini. Anche perché il salentino più vero non è quello che è nato in Salento ma quello che ama questa terra!

Guerra che ha il sapore delle guerre combattute dai Messapi, popolo fiero del Salento antico amante la sua Libertà ed identità!

Un assalto che partiva dal Salento ma che mirava alla conquista e assoggettamento alle multinazionali dell’intero bacino del Mediterraneo ed Europa con la complicità di interessi corrotti locali.

Ora lo sforzo deve essere per noi far capire anche agli altri ciò che stava accadendo all’intera Unione Europea, intendendo i popoli dell’Unione Europea prima che l’istituzione, perché vi sia ora una reazione di autodifesa volta a schiacciare completamente e smascherare in ogni suo aspetto e componente tutta questa volgare meschinità internazionale!

Una gioia oggi non frenabile erompe in tutti noi, come la gioia di chi in un deserto aspetta la pioggia che mancava ormai da troppo tempo, tanto, quasi da far perdere ormai ogni speranza di sopravvivenza.
Ma è una gioia che non può portare purtroppo in noi una felicità piena perché giunge in cuori troppo rattristati dagli eventi umani e del destino che ci hanno tanto amareggiato e scosso!

Un grazie commosso e sentito a tutti gli EROI degli Ulivi che non hanno smesso di combattere un solo giorno da mesi in qua. Ma dobbiamo continuare perché la guerra non è finita e c’è un Salento da rendere più naturale, da rinaturalizzare e da restaurare in salute, storia, cultura e bellezza, e quindi nella sua potenziale economia migliore!

Oreste Caroppo

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...