La Commissione Europea apre una procedura d’indagine e chiede il rafforzamento del Corpo Forestale dello Stato

La Direzione Generale Ambiente della Commissione Europea, con il documento denominato EU PILOT 6730/14/ENVI, ha avviato un’indagine sull’Italia per la violazione dell’art. 6 comma 3 della Direttiva 92/43/CEE denominata “Direttiva Habitat”. Detto comma 3 recita testualmente:

Qualsiasi piano o progetto non direttamente connesso e necessario alla gestione del sito ma che possa avere incidenze significative su tale sito, singolarmente o congiuntamente ad altri piani e progetti, forma oggetto di una opportuna valutazione dell'incidenza che ha sul sito, tenendo conto degli obiettivi di conservazione del medesimo. Alla luce delle conclusioni della valutazione dell'incidenza sul sito e fatto salvo il paragrafo 4, le autorità nazionali competenti danno il loro accordo su tale piano o progetto soltanto dopo aver avuto la certezza che esso non pregiudicherà l'integrità del sito in causa e, se del caso, previo parere dell'opinione pubblica.

Per porre rimedio a tale inadempienza dell’Italia, la Commissione Europea ha dettato una serie di prescrizioni da mettere in pratica e tra esse ce n’è una (la n. 14, a pagina 6 del documento EU PILOT 6730/14/ENVI) che recita testualmente:

Il rafforzamento del ruolo del Corpo Forestale dello Stato dovrebbe essere accompagnato da corsi di Formazione per gli agenti incaricati dei controlli. Inoltre, dovrebbero essere razionalizzate le forze in campo in materia di vigilanza ambientale (ex guardiacaccia delle Province, Corpo Forestale dello Stato, Corpi Forestali Provinciali e Regionali).

Ecco allora cosa vuole l’Europa. Proprio quello che proponiamo noi con questa Petizione. Questo Governo, quindi, sta portando avanti speditamente il progetto di fusione del Corpo Forestale dello Stato con la Polizia di Stato, esponendo la nostra Nazione al rischio concreto di future procedure di infrazione con probabili sanzioni da pagare.

Questa è una delle argomentazioni che porterò il 3 giugno all’attenzione della Commissione Affari Costituzionali della Camera dei Deputati.

Raffaele Seggioli

Coordinatore della Campagna #SalviamolaForestale

Annunci

4 thoughts on “La Commissione Europea apre una procedura d’indagine e chiede il rafforzamento del Corpo Forestale dello Stato

  1. SALVATORE 20 luglio 2015 / 12:39

    IL TRE DI GIUGNO E’ PASSATO……………………IL GOVERNO DI QUELLO CHE CITA LA DIRETTIVA DELLA COMUNITA’ EUROPEA SE NE’ FOTTUTO ……………………..E ORA CHE SI FA’……………………………….?

    Mi piace

  2. mauro 11 agosto 2015 / 22:12

    Una cosa assurda:già la Polizia di stato non ha risorse ne’ uomini per la sicurezza dei cittadini,non immagino quanto possa difendere il territorio o l’ambiente. Penso che tutto vada nella direzione della “smilitarizzazione” dsll’Italia. Hanno paura di un “colpetto” dei militari…. Politici infami e corrotti!

    Mi piace

  3. Claudio 21 agosto 2015 / 14:09

    Siamo alla fine! Dovevamo muoversi prima!!!!

    Mi piace

    • salviamolaforestale 21 agosto 2015 / 16:35

      Caro Claudio, questa Campagna è attiva dal 22 luglio 2014, giorno prima del deposito in Senato del DDL 1577. Si può sempre fare di meglio ma non ci sentiamo in difetto di non aver fatto quanto nelle nostre possibilità per contrastare la soppressione del CFS. Spero di averti al nostro fianco nella nostra Campagna. Grazie

      Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...